“Il limite dell’utile” ovvero come scrivere all’altezza della morte

domenica 6 agosto 2017





“Il limite dell’utile” di Georges  Bataille ha il pregio di attaccare alla radice la concezione della morale utilitaristica borghese, della funzionalità, del profitto come regolatore del destino degli individui. Una “economia gloriosa” qui sostituisce l’idea ormai malsana del profitto. L’inutile diventa lo sfarzo di una vita dissipata senza fini, che non siano al limite “gloriosi” come quelli delle stelle.

La gloria è futile per il borghese che con essa non può intraprendere alcuna impresa commerciale.  La cattedrale sorge in un deserto per glorificarlo.  Concetti in opposizione alla morale dominante che ci vuole ingranaggi del macchinario del Progresso.

 La figura del lavoratore abbruttito in una città grigia è ormai diventata di massa. Bataille elogia lo spreco inteso come dono di sé. Oggi che anche l’inutile deve rendere e fare profitto,  le sue parole suonano disperate. Ma anche quando furono scritte  la disperazione vi allignava, se non altro nell’apologia della guerra che vi si legge in filigrana e per la fascinazione un po’  assurda verso i sacrifici umani degli Aztechi.

 Libro impossibile,  “Il limite dell’utile” continua a esercitare, però, un fascino profondo. Sarà il linguaggio sconcertante, che evita le trappole della leggibilità, per accrescere vertiginosamente le possibilità stesse di una conoscenza della realtà, che non può che essere poetica, cioè votata al nulla, allo spreco, alla vertigine, all’oblio. Libro eccessivo,  dove l’eccesso è figura di una vita straripante che non si rassegna al tranquillo tran tran di una coscienza narcotizzata dalla ragionevolezza, depauperata dalla fissazione di produrre. 

Così Bataille continua a essere scomodo portavoce di una ribellione segreta,  senza rivoluzioni chiassose e di piazza, che avviene  per “vivere all’altezza della morte” . La morte, il grande rimosso della nostra società, è ciò che dà al libro la sua frenetica andatura. Scrivere all’altezza della morte. Pochi ci riescono, Bataille ha indicato una via.

6 commenti:

Silvia Pareschi ha detto...

Libro davvero affascinante. Sembra un'ottima medicina per bilanciare il modo di pensare degli americani che mi circondano, per i quali tutto è misurato in termini di profitto e di utilità.

Mia Euridice ha detto...

Scrivere all’altezza della morte.
Chi può?
Bello il tuo post, come sempre.
Un abbraccio grande.

Ettore Fobo ha detto...

@Silvia

Può essere un farmaco sì o comunque qualcosa che instilla dubbi.

Ettore Fobo ha detto...


Grazie Euridice. Un grande abbraccio.

Remigio ha detto...

Me lo sono segnato: un libro che mi può interessare. Grazie

Ettore Fobo ha detto...

@Remigio

È un saggio davvero controverso, affascinante, a tratti irritante, profondo, in certi momenti sconcertante. Da affrontare come un periglioso cammino. Un po’ come tutto Bataille.Spero sia di tuo gradimento.